BeOn certificata per il coaching

L'anno nuovo si apre con un'ottima notizia per BeOn che ha ottenuto, il 28 dicembre, la certificazione del servizio di coaching secondo la norma italiana UNI 11601:2015.

Cosa significa?

La  certificazione è un risultato molto importante perché attesta la conformità del nostro servizio agli standard professionali definiti dalla normativa italiana sul servizio di coaching, pubblicata nel novembre del 2015 e che rappresenta una guida di riferimento per tutti gli attori coinvolti.

La norma UNI 11601:2015

Per comprendere meglio il valore di questa certificazione ripercorriamo in sintesi i contenuti della norma che ha il merito di aver definito nei dettagli e con chiarezza quali sono gli standard professionali per un servizio, come quello del coaching,  nato e sviluppatosi sulla base di pratiche che fino ad ora non hanno avuto una regolamentazione di riferimento.

La norma si sviluppa nelle seguenti parti:

  1. Termini e definizioni: in questo primo capitolo si chiarisce la definizione di tutti i termini utilizzati nel servizio di coaching, come ad esempio coach, coachee, coachability, etc.
  2. Classificazione del servizio, dove sono definite le diverse tipologie del servizio (business, career, corporate, executive etc.) e dove sono esplicitati i principali risultati a cui tende il coaching.
  3. Progettazione e offerta di coaching, in cui sono elencati nel dettaglio i singoli step e le caratteristiche di questa fase del processo: dalla raccolta e comprensione e definizione delle esigenze, all’illustrazione delle finalità del servizio da parte del coach, all’analisi di fattibilità, alla definizione dell’offerta tecnica ed economica fino alla stipula del contratto.
  4. Erogazione del servizio, in cui si definisce il patto di coaching, l’esplorazione delle risorse e delle potenzialità del coachee, la definizione degli obiettivi e il monitoraggio del piano di azione fino alla conclusione del processo
  5. La responsabilità di tutti gli attori coinvolti e distinte per ogni fase dell’intero processo.
  6. La misurazione e la valutazione del servizio offerto, sia in termini di erogazione che di esiti del servizio.

Anche solo da questa veloce indicazione dei contenuti, appare chiaro quanto la norma rappresenti un riferimento dettagliato e chiaro per definire un servizio di coaching di qualità. Una necessità che BeOn ha sempre posto in primo piano come del resto testimonia la scelta di avvalersi di coach accreditati ICF (International Coach Federation) e di “sottoporsi” al processo di verifica che ha portato alla certificazione.

Ed ora?

Se la certificazione ci conferma la qualità del nostro servizio, non si ferma l’impegno a migliorarlo e non tanto, o non solo, per mantenere la certificazione (che dovrà essere confermata ogni anno), ma per dare un servizio sempre più efficace nell’offrire percorsi di sviluppo perché le persone focalizzino al meglio i loro obiettivi, riconoscano e sviluppino i loro talenti, raggiungano i loro risultati, nel rispetto dei valori ritenuti fondamentali per loro e per le organizzazioni nelle quali operano.

Siamo infatti convinti che aver avuto sempre questa come finalità sia stato, e sarà, il motivo principale dell’aver ottenuto la certificazione.

 

 

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza su questo sito. Nel proseguire nella sua consultazione, confermi di esserne consapevole e presti il tuo consenso a tal fine.